Venezuela parte 3: Delta dell’Orinoco

Nei viaggi ci sono fasi in cui quello che ti rimane nel cuore non sono tanto i luoghi, quanto le persone.

E’ proprio questo che ha reso speciale i 3 giorni passati nell’immenso e intricato delta del fiume Orinoco. Non fraintendiamoci, il Delta dell’ Orinoco è anche un luogo molto bello; i primi italiani che arrivarono dall’Atlantico alla foce di questo fiume furono talmente colpiti dal chiamare questa nuova terra come la nostra Venezia: così nacque il nome Venezuela.

Il delta dell’ Orinoco non ha un’attrazione principale come ad esempio il Salto Angel del Parco Canaima e chi fa turismo qui se ne rende conto e tenta di offrire un’esperienza alternative al tipico giro “cammina-Vedi-Fotografa”. In effetti ho fatto pochissime foto in questi 3 giorni, ma mi sono divertito tantissimo!

le attività da fare secondo me sono soprattutto 3:

  1. Pesca al Piranha: tanto difficile quanto divertente, i piranha sono pesci velocissimi che fanno vibrare l’esca impercettibilmente. Prenderne uno richiede massima concentrazione e reattività. Io ci sono riuscito, e non è banale nemmeno farlo salire a bordo dal momento che la sua mandibola forte ed iperattiva vi metterà ansia. Grande soddisfazione è stato mangiarselo la sera stessa, molto saporito!! Oltre al divertimento la giornata di pesca è stata speciale per il relax nel godersi la barca ed il fiume mentre i delfini rosa ci salutavano con i loro salti.
  2. Un giro nella vegetazione di fiume per conoscere lo stile di vita Warao. L’Orinoco è caratterizzato da una giungla di fiume talmente fitta che ci si può camminare attraverso facendo attenzione a mettere i piedi solo sulle grandi radici degli alberi o sui rami caduti ed evitare così le paludi. La guida durante questo giro vi farà conoscere le tecniche che le tribù locali usano per sfruttare le risorse della giungla per la caccia e la pesca. Scoprirete un sacco di cose interessanti, quasi un piccolo manuale di sopravvivenza. Non vi anticipo nulla, ad eccezione di una cosa: ho provato il gusto di tagliare un nido di termiti, farmele salire sulla mano e prima mangiarle vive e poi utilizzare quelle restanti triturandole tra le mani e passandomele sul corpo come una crema. Pensate che sono pazzo? Dovete sapere che le termiti sono un fantastico repellente contro le zanzare e hanno un fortissimo e buonissimo sapore di mentolo!!
  3. Un giretto per vedere la fauna locale: Delfini rosa, Delfini grigi di fiume, Bradipi, scimmie, Vari uccelli come tucani e pappagalli e anaconde non si vedono tutti i giorni e spendere una mezza mattinata per osservarli da vicino ed in libertà è assolutamente consigliabile.

Se affronterete questa esperienza con lo spirito giusto potrete avere la fortuna di entrare a stretto contatto con i Warao, gente semplice e super amichevole che vive con niente ma che lo fa bene grazie alle loro abilità di navigazione, caccia e pesca. Alcuni di loro parlano spagnolo e parlare con loro è un’occasione imperdibile di conoscere da vicino una popolazione che vive in una maniera completamente diversa da quella moderna-occidentale.

Importante consiglio pratico: gli standard di ricettività non sono alti e il resort di riferimento in questo caso è solo uno dal momento che surclassa tutti gli altri per bellezza, trattamento degli ospiti e soprattutto cucina! Si chiama Orinoco Delta Lodge: http://orinocodelta.net/

Ognuna delle persone che lavora all’Orinoco Delta Lodge è speciale: non sono solamente professionali, ma hanno tutti la missione di preservare l’ambiente e la cultura del posto e allo stesso tempo promuoverle rispettando ed integrando i Warao con l’educazione ai mestieri e l’insegnamento dello Spagnolo.

Padre e Figlio Warao-6793
Padre e figlio Warao

L’unica foto a cui sono davvero affezionato ritrae queste splendide donne Warao (bambine, ma in questi luoghi si cresce in fretta) che erano imbarazzate ma anche divertite dal’obiettivo della mia Canon. Avrei voluto fare più foto e magari in posa, ma mi stavo godendo troppo il momento ed ho preferito chiacchierare e giocare piuttosto che scattare.

Per finire l’informazione di servizio: per arrivare al Delta Lodge ci vogliono 2 ore e mezza di macchina da Puerto Ordaz più tre quarti d’ora di scafo nel fiume.

PS da queste parti un piatto tipico è l’anaconda, io l’ho mangiata e mi è piaciuta molto, chiedetela anche voi al Delta Lodge e magari dite di mettere poco sale!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...